Modulo 1: I Miei Documenti Europass

Sito: e-learning.rabotilnik.com
Corso: Corso sulla ricerca attiva del lavoro
Libro: Modulo 1: I Miei Documenti Europass
Stampato da: Guest user
Data: martedì, 24 maggio 2022, 05:28

1. Cos'è Europass

Europass è un insieme di informazioni e strumenti volti alla convalida delle competenze riconosciuto a livello europeo. È stata ideato dalla Commissione Europea e dal CEDEFOP nel 1998 e da allora mira a migliorare la trasparenza delle qualifiche professionali. L’obiettivo è quello di:

·      rimuovere gli ostacoli che impediscono a lavoratrici e lavoratori di spostarsi e lavorare all’interno dell’Unione europea;

·      promuovere il dialogo e lo scambio fra iniziative, strumenti e istituzioni esistenti;

·      incoraggiare l’attuazione di nuove misure e iniziative.

Il principale risultato di Europass è una raccolta di documenti facili da usare e gratuiti. Il 1 ° luglio 2020 è stata lanciata una nuovissima piattaforma Europass.


2. I Documenti Europass

Ogni documento Europass ha una funzione a sé e seguono dei criteri differenti: alcuni possono essere redatti direttamente dall’utente, altri devono essere richiesti all’ente di riferimento (si pensi ad esempio all’Europass mobilità, al supplemento al diploma e al certificato). Nel corso del presente modulo ci concentreremo sui documenti che puoi modificare in autonomia: il curriculum vitae e la lettera di presentazione





2.1. Il curriculum vitae Europass e la lettera di presentazione

Un buon curriculum vitae e una lettera di presentazione interessante possono fare la differenza quando ci si candida ad ottenere il proprio lavoro ideale. Per aumentare le tue probabilità di successo in un mercato del lavoro sempre più competitivo, devi accertarti che la persona incaricata del processo di selezione sappia chi sei e cosa hai da offrire sul piano professionale. Per fare ciò non dovrai fare altro che redigere un buon curriculum e una lettera di presentazione convincente. Benché tali documenti siano sistematicamente richiesti quando ci si candida a ottenere un posto di lavoro, non sempre si è certi riguardo alla loro redazione. Per fortuna, oggi , abbiamo a disposizione molti strumenti che possono aiutarci a dare risalto ai risultati che abbiamo raggiunto. Fra questi, Europass è uno dei più completi e diffusi, inoltre è gratuito! 

Il documento indubbiamente più diffuso del pacchetto Europass è il curriculum vitae


Lo strumento che consente di modificare il curriculum vitae online offre un modello standardizzato e facile da usare, che consente di sviluppare rapidamente un curriculum vitae  completo e solido online e quindi esportarlo in pdf e altri formati. Lo strumento di modifica del curriculum vitae include anche lo strumento che precedentemente invece era disponibile come "Passaporto delle lingue". Si tratta di una griglia di autovalutazione standardizzata incentrata su 4 aree di competenza linguistica e disponibile per tutte le lingue nazionali dell'UE. Può essere rafforzato includendo certificati di competenza linguistica ufficialmente riconosciuti come IELTS o TEFL.

Lo strumento che consente di modificare il curriculum vitae online permette all’utente di compilare i campi normalmente previsti nel documento e di aggiungere degli ulteriori elementi, fra cui:

·      altre competenze: in questo campo è possibile elencare le competenze acquisite grazie ai propri hobby e alle attività ricreative svolte. Ad esempio, puoi scrivere di essere capace di utilizzare Photoshop per via della tua passione per la fotografia sebbene non tu non abbia mai usato il programma a fini professionali;

·      Informazioni aggiuntive: in questo campo è possibile inserire eventuali pubblicazioni, partecipazioni ad associazioni, premi, progetti, corsi, seminari, citazioni e così via;

·      allegati: in questa sezione è possibile caricare dei file volti a documentare alcune delle informazioni contenute nel curriculum. Ad esempio, nel caso in cui tu decida di fare riferimento alla tua tesi di laurea, potrebbe essere utile caricare il testo per far sì che il responsabile della selezione del personale gli dia un’occhiata.

Ti informiamo, inoltre, che lo strumento è disponibile in tutte le lingue dei Paesi dell’Unione Europea.

Lo strumento che consente di modificare il curriculum vitae comprende anche un modulo per scrivere una lettera di presentazione  


2.2. Passaporto delle lingue/competenze linguistiche

Il passaporto delle lingue non è altro che uno strumento di autovalutazione delle competenze linguistiche che consente, inoltre, di inserire certificazioni e altri attestati. Si basa sul Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue e lingue (Common European framework of reference for languages, CEFR) ed è disponibile sul portale Europass. 

Il CEFR è costituito da sei livelli che vanno da A1 (utente base) a C2 (utente avanzato) e contiene degli indicatori specifici per tutte le abilità linguistiche: capacità di comprensione scritta e orale, capacità di interazione e produzione orale, capacità di produzione scritta. È valido per tutte le lingue.

L’ultima sezione del passaporto delle lingue fa riferimento alle esperienze linguistiche e interculturali. Consente all’utente di indicare e descrivere tutte le esperienze linguistiche maturate all’estero, quali un semestre di studi in un’altra università europea grazie al programma Erasmus+ oppure una qualunque esperienza all’estero che abbia contribuito alla propria crescita professionale o personale.


2.3. Europass mobilità

Il documento certifica le competenze e le conoscenze acquisite grazie alla partecipazione a un progetto di mobilità in uno dei Paesi dell’Unione europea. Il documento può essere rilasciato dall’organizzazione ospitante al termine dell’esperienza di tirocinio, dell’attività di volontariato (presso una ONG) e/o di un semestre accademico. Chi partecipa, invece, a un progetto di mobilità portato avanti da due organizzazioni partner (quella di invio e quella ospitante, siano esse università, centri della formazione professionale, ONG, scuole, ecc.) deve richiedere il documento all’organizzazione di invio al termine del suddetto progetto.

2.4. Supplemento al diploma

Il certificato fornisce informazioni aggiuntive e dettagliate in merito al percorso formativo affrontato da chi è in possesso di un titolo di studio universitario. L’obiettivo è quello di rendere più chiaro e comprendibile tale titolo di studio agli occhi di datori di lavoro o di altre istituzioni all’estero. Il documento descrive nel dettaglio il percorso formativo, vi sono riportati corsi, temi affrontati, risultati di apprendimento e traguardi individuali raggiunti. È molto utile per dimostrare che il titolo di studio di cui si è in possesso è in linea con i requisiti richiesti in un ambito lavorativo.

Il supplemento al diploma deve essere rilasciato da un’università su richiesta dello/la studente.

È importante ricordare che il supplemento al diploma non sostituisce il documento originale, né garantisce il riconoscimento automatico delle competenze.

2.5. Supplemento al certificato

Simile al supplemento al diploma, il supplemento al certificato è un documento che fornisce una descrizione dettagliata di competenze e conoscenze acquisite nel campo della formazione professionale. Anche in questo caso il principale obiettivo è quello di rendere più chiari i contenuti di apprendimento a istituti e datori di lavoro all’estero. Viene rilasciato dal centro della formazione professionale che ha erogato il corso su richiesta del discente, così come avviene per il supplemento al diploma.

Il supplemento al certificato non sostituisce l’attestato originale, né garantisce il riconoscimento delle competenze acquisite.

3. Come creare un curriculum vitae e una lettera di presentazione su Europassr Letter?



Quanti documenti Europass possiedi?

Se la risposta è nessuno, allora dovrai crearne uno! Seguendo le istruzioni riportate di seguito potrai andare alla scoperta del sito di Europass e crearne uno.

Prima di procedere alla creazione dei documenti, devi dotarti di un tuo profilo Europass. Per creare un profilo basta seguire le istruzioni che compariranno sullo schermo dopo aver cliccato su  “CREA un CV”.


3.1. Create CV

Adesso comincia il bello! Scorri in basso la pagina di europass e ti imbatterai in una graziosa sezione di colore blu contenente tutti i pulsanti che ti consentiranno di accedere allo strumento di modifica dei documenti Europass.



Dopo aver selezionato la lingua nella quale intendi redigere il tuo curriculum fra le 29 a tua disposizione, puoi cominciare a compilare i vari campi inserendo i tuoi dati anagrafici. Puoi decidere se mettere o meno una tua foto. Nel caso in cui tu decida di farlo, accertati che tu abbia un aspetto sufficientemente professionale.


Lo strumento di modifica presenta un modello completo e semplice, facile da usare e interattivo. Puoi persino scegliere se descrivere prima il tuo percorso formativo o la tua esperienza lavorativa.

 Il modello standard contiene le seguenti sezioni:

·       Informazioni personali

·       Posizione per la quale ci si candida

·       Esperienza lavorativa

·       Istruzione e formazione

·       Competenze personali, a loro volta distinte in:

o   Competenze linguistiche

o   Competenze comunicative

o   Competenze organizzative

o   Competenze professionali

o   Competenze digitali

Inoltre, è possibile aggiungere degli altri campi cliccando sul pulsante in alto a destra sulla pagina dello strumento di modifica. Fra queste ricordiamo:

·       Foto

·       Altre competenze

·       Patente di guida

·       Informazioni aggiuntive

·       Allegati

Dopo aver riportato i tuoi dati personali, clicca su “Aggiungi nuova sezione” per veder comparire una finestra pop-up su cui sono riportati gli altri campi da inserire nel tuo curriculum vitae.


Cliccando su questo link troverai degli esempi di curriculum vitae redatti in diverse lingue, fra cui il portoghese, il bulgaro, l’italiano e lo sloveno.


3.2. Suggerimenti utili

Quando modifichi il tuo curriculum vitae ricordati di riflettere sull’offerta di lavoro alla quale stai rispondendo. Assicurati di presentare tutte le tue competenze, conoscenze ed esperienze in maniera chiara ed accertati che siano utili ai fini della professione che desideri svolgere. Cerca di dare l’immagine migliore di te, evita gli errori di ortografia e presta attenzione a ogni dettaglio. Alcuni piccoli errori possono essere interpretati come una mancanza di attenzione e rendere coì il tuo curriculum meno interessante e poco convincente.
Fa’ in modo che le tue conoscenze e le tue esperienze siano ritratte:

-       in maniera efficace: analizza l’offerta di lavoro in modo da porre in evidenza le competenze linguistiche e professionali che ritieni più interessanti;

-       in maniera ordinata: fa’ in modo che le esperienze lavorative siano presentate in ordine cronologico e cerca di mostrare i progressi da te compiuti;

-       in maniera chiara: evita le frasi troppo lunghe e complesse, nonché i termini gergali e va dritto al punto.

Inoltre, è importante che tu possa far leggere il curriculum a un’altra persona prima di inviarlo! Chiedi a qualcuno di aiutarti e se riuscirà a carpire velocemente le informazioni più significative, puoi esser certo/a che lo stesso varrà anche per la persona incaricata del processo di selezione del personale.


3.3. La lettera di presentazione

Su Internet si trovano moltissime indicazioni in merito alla stesura della lettera di presentazione perfetta. Alcuni ritengono che siano necessario concentrarsi sulla presentazione delle proprie caratteristiche personali (rispecchiando quanto viene riportato sul CV). Altri sostengono che bisogna, invece, porre in evidenza le ragioni che spingono le persone a rispondere all’annuncio di lavoro, per cui bisogna essere in grado di dare prova di tutta la propria motivazione ed energia.

Entrambe le opinioni sono corrette. Non a caso una buona di lettera di presentazione deve rispondere alle seguenti domande:

·      Chi sei? Quali sono le tue esperienze e competenze?

·      Perché hai scelto di candidarti? Che cosa ti fa credere che potrai contribuire alla mission dell’impresa?

È necessario trattare entrambi i punti nel corpo della lettera di presentazione. La lettera di presentazione, come il curriculum vitae, non può prescindere da una lettura accurata dell’annuncio di lavoro e dei requisiti previsti, nonché da una ricerca sull’impresa in questione, la sua storia, i suoi bisogni attuali, nonché i punti di forza sul mercato.

La lettera di presentazione deve concludersi con una frase ad effetto che riesca a riassumere i contenuti principali.

Anche in questo caso, devi cercare di metterti nei panni della persona incaricata del processo di selezione e leggere la lettera di presentazione in maniera distaccata. Cerca di immaginare se quelle parole riescono a convincerti a dare una possibilità al/alla candidato/a. Se è così allora puoi chiedere a un amico o a un’amica di darti un suo parere. Cerca sempre di confrontarti con qualcuno. Ti aiuterà a individuare le parti che devono essere migliorate.



Cliccando su “Crea una lettera di presentazione” accederai a un menu che presenta due opzioni: “Importa una lettera di presentazione” e “Crea una nuova lettera di presentazione”. Se è la prima volta che ne scrivi una, allora ti suggeriamo di scegliere la seconda opzione.

Dopo aver premuto il pulsante, scelto la lingua e il formato della data e inserito i tuoi dati personali, potrai compilare tutti e quattro i campi cliccando su “Modifica”.


La sezione finale dedicata alla “Formula di chiusura” ti consente di caricare la tua firma digitale e di scegliere la formula di saluto più adatta alla tua lettera di presentazione.